#annibuttati in pillole (episodio 5)“GIUSTO IL TEMPO DI ACCENDER UNA TORCIA E UNA BOMBA E LO SBIRRO DIFFIDA ANCHE ME”

L’anno domini 2015 è stato, nella nostra piccola storia, un anno fondamentale. Primo anno in FIGC, la voglia (imperitura) di spaccare il mondo, una squadra gagliarda in campo che vince le prime due partite. Ma ben altra partita si disputa a nostra insaputa: i guardoni hanno infatti buttato gli occhi su di noi. La prima di campionato fu davvero qualcosa di elettrizzante: abbiamo trovato casa nel campo di Turate, erba sintetica, tribune ampie e spaziose, spogliatoi esattamente sotto gli spalti, alla vecchia maniera, come tanto ci piace. Mentre la squadra è nello spogliatoio a cambiarsi e a caricarsi per la prima stagionale, si sente ogni rumore provenire dagli spalti soprastanti: cocci di vetro, risate, tamburo che prova il suono, qualche bombone per avvertire gli avversari che oggi è roba nostra. Ingresso in campo, siamo sotto per una cappella del portiere, ma la ribaltiamo ferocemente con una doppietta di Iannello e a chiuderla sul definitivo 3-1 ci pensa Discacciati. Euforia. Terzo tempo con gli avversari, birra per tutti, la sensazione di potercela giocare anche in terza categoria (e infatti il primo anno chiudiamo con un dignitoso settimo posto dopo aver sognato per qualche giornata l’approdo ai playoff). I giorni seguenti inizia il putiferio: due scritte su un muro adiacente al campo da gioco sono pretesto sufficiente per l’amministrazione di Turate per mettere in dubbio la nostra permanenza nel campo del paese; non solo, la Questura di Como ci fa piovere addosso undici Daspo. Parrebbe incredibile, ma è tutto vero. Sulla maglietta, sul petto, stampiamo la scritta “diffidati con noi”. Terza giornata, seconda in casa, al campo ci attendono le forze dell’ordine a fare servizio d’ordine e selezione all’ingresso, con tanto di celerini scudi e manganelli nel tunnel degli spogliatoi che porta al campo da gioco. Situazione surreale. Perdiamo 5-2, e prendiamo altri due Daspo campati per aria.
L’amministrazione di Turate ci chiede prima di giocare a porte chiuse e infine ci toglierà definitivamente il campo. Siamo letteralmente in mezzo a una strada. Nel mezzo del girone d’andata del nostro primo anno in FIGC siamo senza campo e con 13 tifosi daspati. Se il buongiorno si vede dal mattino … E qui accade uno dei momenti che maggiormente hanno impresso una direzione al veliero gialloverde: una assemblea straordinaria in cui ci troviamo in una settantina tra tifosi, giocatori e sostenitori del progetto. Le idee sono le più disparate: tutti presenti fuori dallo stadio; giochiamo a porte chiuse; rifiutiamoci di giocare. I toni sono accesi, i cuori ardenti. Nel mezzo della discussione arriva la notizia sul cellulare del nostro Pres: i dirigenti del Rescalda, avversari della domenica successiva, accettano l’inversione di campo e si dimostrano solidali con la nostra situazione. Boato come ad un gol, abbracci, Campari a pioggia e avanti più uniti di prima. La partita contro il Rescalda è Storia: vinciamo 3-2 con tripletta di Carlesso, spalti bollenti, franata inenarrabile sul 3-2 definitivo.
Nei giorni seguenti ci rimbocchiamo le maniche, troviamo un altro campo, quello di Limbiate, che sarà la nostra casa per i due anni seguenti. Nel corso della stagione collezioneremo altri 3 Daspo, arrivando a un totale di 16 Daspo, alcuni dei quali di diversi anni. Il nostro pensiero, a distanza di anni, non è cambiato: lo cantiamo ad ogni partita.

#annibuttati #rovescialaprospettiva

Per saperne di più riguardo la campagna:
https://fcdalpozzo.com/anni-

  • erotik Marzo 1, 2021 at 8:24 pm

    good on ya, Arlo! Were you at all sore the next day? Filide Claiborne Noleta

  • escort bayan Marzo 1, 2021 at 9:32 pm

    I really liked your post. Thanks Again. Keep writing. Tiffani Zolly Griffiths

  • harley owners group Marzo 5, 2021 at 4:23 am

    To adjust in a new country is always a nightmare for first instance but when adjusted, it is a bliss. You may be finding driving odd on left side but as in India it is also on left side we find it difficult on right side in US and other countries. You are quite a good observant, I must say. Phelia Natale Talanian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *